Wiki
WIKI

Castiglion Fiorentino

Tratto da Wikipedia

(Castiglion Fiorentino)

Castiglion Fiorentino
comune
Castiglion Fiorentino – Stemma Castiglion Fiorentino – Bandiera
Castiglion Fiorentino – Veduta
Dati amministrativi
Stato bandiera Italia
Regione Toscana – stemma Toscana
Provincia Arezzo – stemma Arezzo
Sindaco Luigi Bittoni (rinnovamento per Castiglioni - centro-sinistra) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 43°20′38″N 11°55′8″E / 43.34389°N 11.91889°E / 43.34389; 11.91889 (Castiglion Fiorentino)Coordinate: 43°20′38″N 11°55′8″E / 43.34389°N 11.91889°E / 43.34389; 11.91889 (Castiglion Fiorentino)
Altitudine 342 m s.l.m.
Superficie 113,19 km²
Abitanti 13 630[1] (31-12-2010)
Densità 120,42 ab./km²
Frazioni Brolio, Castroncello, Cozzano, La Badia, La Montanina, La Nave, Mammi, Manciano La Misericordia, Montecchio Vesponi, Noceta, Orzale, Pergognano, Petreto, Pieve di Chio, Pievuccia, Polvano, Ranchetto, Ristonchia, Santa Cristina, Santa Lucia, Santa Margherita, Santo Stefano, Senaia, Valuberti
Comuni confinanti Arezzo, Cortona, Foiano della Chiana, Marciano della Chiana
Altre informazioni
Cod. postale 52043
Prefisso 0575
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 051012
Cod. catastale C319
Targa AR
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti castiglionesi
Patrono san Michele
Giorno festivo 8 maggio
Localizzazione
Castiglion Fiorentino è posizionata in Italia
Castiglion Fiorentino
Posizione del comune di Castiglion Fiorentino all'interno della provincia di Arezzo
Posizione del comune di Castiglion Fiorentino all'interno della provincia di Arezzo
Sito istituzionale

Castiglion Fiorentino è un comune italiano di 13.630[2] abitanti in provincia di Arezzo.


Indice

[] Geografia

La città di Castiglion Fiorentino sorge su di un colle a 342 m s.l.m., 17 km a sud-est di Arezzo. Delimitata a est dai Preappennini, l'area comunale si estende in parte sulla Valdichiana e sulle alture ad essa prospicienti, in parte comprende quasi l'intero bacino della Val di Chio includendo anche la porzione superiore della valle del fiume Nestore, mentre una piccola sezione si estende sui territori di testata del torrente San Chimento, tributario al Cerfone e quindi al Tevere, al di là del valico della Foce (578 m s.l.m.). Il territorio confina con i comuni di Arezzo a nord, Cortona a est e a sud, Foiano della Chiana a sud-ovest e Marciano della Chiana a ovest.

Panorama di Castiglion Fiorentino innevata

Nella piana alluvionale della Valdichiana scorre il Canale Maestro della Chiana, nel quale confluiscono vari corsi d'acqua a regime torrentizio, tra i quali l'Esse, il Mucchia e il Canale di Montecchio.

Un tempo regione malsana (come ricorda Dante nei versi 46-47 del XXIX canto dell'Inferno: «Qual dolor fora, se de li spedali / di Valdichiana tra 'l luglio e 'l settembre»), occupata da una palude bonificata a più riprese, l'area comunale presenta oggi terra particolarmente fertile, che ha favorito lo sviluppo dell'agricoltura.

I monti hanno tutti modesta altitudine, ma in passato hanno rappresentato, per la loro posizione strategica, ottimi siti di difesa e avvistamento, tanto da ospitare nel medioevo numerosi castelli e fortificazioni. Tra essi vi sono il monte Castiglion Maggio (755 m. s.l.m.), il Poggio Cerota (772 m. s.l.m.), il monte Largnano (800 m.s.l.m.), la Rocca Montanina (672 m. s.l.m.) e il Castel d'Ernia (573 m. s.l.m.). La massima altitudine comunale si trova in prossimità del monte Largnano a quota 833 m. s.l.m.

I maggiori corsi d'acqua, oltre al Canale Maestro della Chiana, sono: l'Esse di Cortona, il Canale di Montecchio e il Mucchia, tutti affluenti del Canale Maestro, nonché il torrente Vingone, che diede origine alla Val di Chio, il Fosso Cilone, il Fosso Ristonchia e il Bigurro (nei pressi del castello di Montecchio).

[] Storia

La Torre del Cassero, edificata durante la dominazione perugina nel XIV secolo sulla base di una precedente struttura etrusca. Sono di epoca etrusca anche le adiacenti mura, risalenti al IV secolo a.C.
Piazzale Garibaldi, comunemente detto "Parterre", affiancato dalle Mura Pisane.

Abitato fin dalla preistoria, il territorio castiglionese conobbe un primo periodo di fioritura con l'epoca villanoviana.
Il nucleo abitato castiglionese si sviluppò in epoca etrusca, già a partire dal VI secolo a.C.. Crocevia fondamentale tra le due Lucumonie di Arezzo e Cortona, il centro si erigeva sulla sommità del colle, come hanno testimoniato gli scavi archeologici operati nell'area della Torre Cassero. Gli Etruschi apportarono una prima bonifica alla Val di chiana, traversata all'epoca dal fiume Clanis: questo scorreva nel senso opposto dell'attuale Canale Maestro e costituiva un'importante via d'acqua navigabile. Nell'area castiglionese restano a testimonianza di tale periodo numerosi reperti archeologici, tra cui il celebre Deposito di Brolio, rinvenuto nel XIX secolo nell'omonima frazione, e costituito da una grande quantità di bronzetti.

Giunti i Romani, essi decisero di sfruttare la fertilità della zona per il fabbisogno alimentare dell'Urbe. Lo storico Tito Livio racconta di come ai tempi della Seconda guerra punica gli opulenta arva (ricchi campi) chianini avessero saputo fornire alla spedizione di Publio Cornelio Scipione (202 a.C.) oltre 10mila quintali di grano.
Ma con l'impero di Augusto il panorama cambiò radicalmente: tra le cause delle piene del Tevere che di tanto in tanto allagavano Roma fu reputato il Clanis, che era affluente del Paglia, a sua volta tributario del fiume romano. I Romani ostruirono pertanto la foce del Clanis, provocando la stagnazione delle acque e il conseguente impaludamento della Valdichiana. È probabile che Castulone si espanse in tale periodo, sorgendo in altura e quindi essendo immune dalla malaria, da cui molte delle genti degli abitati della valle erano fuggite.

Il centro abitato viene ricordato dai documenti con il nome di "Castiglione" non prima del X secolo, quando risulta feudo dei marchesi del Monte Santa Maria. Di fatto nell'alto Medioevo, pur rimanendo sotto la tutela dell'imperatore, Castiglione fu sottomesso alla potente diocesi di Arezzo.
La formazione del libero Comune iniziò con la seconda metà del XII secolo, ma fu continuamente contrastata dai grandi comuni attigui. Dopo la sconfitta aretina a Campaldino (1289), Castiglione passò sotto il dominio di Firenze. Tuttavia nel 1303 le truppe aretine e senesi, guidate da Uguccione della Faggiuola, presero la cittadina, restituendola ad Arezzo. Fu in questa epoca che Castiglione, nel frattempo ribattezzata "Castiglion Aretino", conobbe una prima ristrutturazione urbanistica, operata dal vescovo e signore di Arezzo Guido Tarlati. Alla morte di quest'ultimo tuttavia si aprì un periodo alquanto incerto per Castiglione: ceduto nel 1336 a Firenze, nel 1344 venne espugnato dai Perugini divenendo "Castiglion Perugino".
Dopo essere stata devastata dalla peste nera del 1348, nel 1369 la popolazione si ribellò a Perugia, ponendosi sotto la protezione dello Stato della Chiesa. Dal 1384 la cittadina passò definitivamente a Firenze e da questo momento in poi, ridenominata "Castiglion Fiorentino", resterà sotto il suo dominio.
L'inizio del XV secolo vide un periodo di crisi, a causa di nuove pestilenze e relative carestie. Durante la guerra tra Firenze e la Repubblica Senese, Castiglione fu presa dal fiorentino (ma nemico di Cosimo I de' Medici) Piero Strozzi, per poi tornare in breve tempo sotto Firenze (1554).

Al governo mediceo seguì quello del Granducato dei Lorena (1765). Fu soprattutto Pietro Leopoldo che decise di rivalorizzare l'area palustre, incaricando l'ingegnere Vittorio Fossombroni di eseguirne la bonifica. Nel 1774 lo stesso Pietro Leopoldo ordinò una riorganizzazione amministrativa del Granducato: al comune di Castiglion Fiorentino furono così annessi quelli di Montecchio Vesponi, Mammi e della Montanina.

Il dominio fiorentino si interruppe nel 1799, quando i Francesi presero la Toscana. Come in tutte le città conquistate, anche a Castiglion Fiorentino (in Piazza del Mercato, l'odierno Piazzale Garibaldi) fu innalzato l'albero della libertà. Salvo un breve intervallo, durante il quale la città fu liberata dagli insorti del "Viva Maria", Castiglion Fiorentino fu presidiata dalle truppe napoleoniche dal 1800 al 1814. Con la Restaurazione tornarono i Lorena, che ultimarono i lavori di bonifica della Valdichiana.

Sabato 21 giugno 1849, Garibaldi verso mezzogiorno venendo da Cortona, arrivò in paese. Era a capo di circa 4.000 uomini reduci della Repubblica Romana, che si riposarono e rifoccilarono al Parterre, oggi Piazzale Garibaldi. Dopo aver parlamentato e raccolto fondi e vettovagliamenti dalle titubanti autorità locali, nel pomeriggio dello stesso giorno ripresero la marcia per Arezzo. L'evento venne ricordato non solo con l'obelisco nella piazza ma con la rima: “Giuseppe Garibaldi qui venne e s’attendò, mangiò, prese i quattrini e se n’andò”

In seguito Castiglion Fiorentino seguì le sorti della Toscana e del Regno d'Italia. Il passaggio del fronte bellico durante la seconda guerra mondiale fu causa di ingenti devastazioni, sia al centro storico che a buona parte del territorio comunale, colpito da bombardamenti che provocarono centinaia di morti anche tra i civili. Particolarmente grave fu il bombardamento alleato cui Castiglion Fiorentino fu sottoposta il 19 dicembre 1943, che causò la morte di 71 civili, in buona parte donne e bambini. Per quell'episodio, il 26 gennaio 2004 Castiglion Fiorentino è stata decorata con la Medaglia d'argento al merito civile.

Le Logge del Vasari. Edificate nel 1513, solo in seguito furono ritoccate dal celebre architetto aretino, dal quale hanno poi preso il nome.

Il panorama del territorio comunale nell'epoca post-bellica rimase a lungo disastrato, al punto che nel corso degli anni cinquanta Castiglion Fiorentino conobbe un notevole decremento demografico. Con il "boom" economico degli anni sessanta le condizioni economiche migliorarono sensibilmente, rendendo il centro abitato un fiorente polo agricolo, fenomeno cui ha fatto riscontro anche una ripresa demografica.

Nel 2007 Castiglion Fiorentino è stata premiata dal Touring Club Italiano con il riconoscimento della Bandiera arancione[3].

[] Luoghi d'interesse

[] Monumenti

[] Nel capoluogo

Il Palazzo Comunale(XIV secolo).
  • Il Palazzo Comunale, eretto nel XIV secolo durante la dominazione perugina[4];
  • La Pinacoteca Comunale, ospitata nei locali dell'antica Chiesa di Sant'Angelo. Vi sono conservati corali, oggetti di culto, ceramiche locali e oreficerie, oltre a dipinti di scuola umbra e toscana[5];
  • La Torre del Cassero, che domina la città e sorge sulla più antica area abitata di Castiglion Fiorentino. Ricostruita durante la dominazione perugina intorno alla metà del XIV secolo (il piccolo casseretto all'apice della Torre è del 1350), la Torre fu realizzata sulla base di una precedente struttura etrusca[6];
  • Il Palazzo Pretorio (1412), ospitante la Biblioteca comunale e il Museo archeologico. Quest'ultimo conserva reperti per lo più bronzei o di terracotta dell'epoca etrusca, romana e medievale[4];
  • Le Logge del Vasari (edificate nel 1513 e solo in seguito ritoccate dal Vasari[7]), site nella Piazza del Municipio nel lato antistante al Palazzo Comunale. Si affacciano sulla Valle di Chio e sulla Collegiata;
  • Il teatro comunale, costruito fra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo.

[] Nel territorio comunale

  • Castello di Mammi (XII secolo), antica dimora della nobile famiglia castiglionese dei Lambardi e di cui restano attualmente rovine nell'omonima località;
  • Castello della Montanina, antica roccaforte dei Tarlati di Arezzo, edificato nell'XI secolo, successivamente distrutto e mai ricostruito, i cui resti sorgono sull'omonima montagna a est di Castiglion Fiorentino.
  • Castello di Montecchio Vesponi, nell'omonima località;

[] Chiese

[] Nel capoluogo

[] Nel territorio comunale

[] Cultura

[] Manifestazioni

Porta San Michele imbandierata con i colori del Terziere di Porta Romana, uno dei tre Rioni partecipanti al Palio.
  • Palio dei Rioni di Castiglion Fiorentino, la terza domenica di giugno;
  • Piazza del Collezionista, mostra di scambio di cose vecchie e usate, quarta domenica di ogni mese[8];
  • Stagione teatrale, da novembre a marzo[9];
  • Oliomangiando, festa dell'olio nuovo, ultimo fine settimana di novembre[10];
  • Processione della Settimana Santa (Martedì, Mercoledì e Venerdì Santo), che culmina con la Volata (rincorsa con la statua del Cristo Risorto nella Collegiata) alla mezzanotte del Sabato Santo[11]. Ogni 2 anni (precisamente negli anni pari) si tiene la Sacra Rappresentazione della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo, svolta da veri e propri attori nel Piazzale Garibaldi[12];
  • Maggio Castiglionese, che si tiene per l'intero mese di maggio, esposizione dei prodotti tipici locali (gastronomia, artigianato, macchinari agricoli)[13];
  • Raduno Fiat 500 e derivate, in Piazza Risorgimento la terza domenica di maggio, a cura del Terziere Porta Fiorentina[14];
  • Festa medievale biancazzurra, rievocazione del passato medievale di Castiglion Fiorentino, a cura del Rione Cassero. Si svolge tra l'ultimo fine settimana di maggio e il primo di giugno nel piazzale antistante la Torre del Cassero[15];
  • Banchetto Medievale, rievocazione di un banchetto medievale, si svolge il sabato precedente la quarta domenica del mese di maggio all'interno del Chiostro di San Francesco a cura del Terziere Porta Fiorentina[16];
  • I Giorni di Bacco, ultimi due fine settimana di ottobre nel centro storico, vini e prodotti tipici della zona, organizzata dal Terziere Porta Fiorentina[17];
  • Presepe vivente, nei giorni di Santo Stefano e dell'Epifania, per le vie della città[18];
  • Estate Castiglionese, con sagre e feste nelle varie frazioni:
    • Sagra della Pizza, ultimo fine settimana di giugno e primo fine settimana di luglio in località La Nave[19];
    • Sagra dello Struzzo, secondo fine settimana di luglio in località Manciano La Misericordia[20];
    • Festa del Vescovo sul giuncheto, terzo sabato di luglio[21];
    • Sagra della Ranocchia Chianina, ultimo fine settimana di luglio e primo fine settimana di agosto in località Brolio[22];
    • Bisteccata, il giorno di Ferragosto a Montecchio Vesponi[23];
    • Festa della Madonna del Bagno, presso il Santuario della Madonna del Bagno (30 agosto)[24];
    • Sagra della Castagna e Palio dei Carretti, terza domenica di ottobre in località Montecchio Vesponi[25].

[] Gruppi storici

Presepe vivente

Grazie allo sviluppo dei Rioni partecipanti al Palio, sono sorti il Gruppo Storico e Sbandieratori Il Cassero nel 1982[26], il "Gruppo Storico e Sbandieratori Terziere Porta Fiorentina"[27], i "Mercenari di Giovanni Acuto" (Terziere Porta Romana)[28] e nel 1986 il Gruppo Storico e Sbandieratori Città di Castiglion Fiorentino[29], oggi indipendente dal Palio dei Rioni.

La grande importanza storica dell'area comunale ha portato alla nascita del Gruppo Archeologi della Valdichiana (GAV)[30].

[] Amministrazione

[] Evoluzione demografica

Una testimonianza del passaggio della guerra: uno StuG 40 Ausf. G tedesco del 1940, scoperto nel 1990 nelle campagne presso Castiglion Fiorentino, restaurato ed esposto dal 1993 in Piazzale Garibaldi in memoria dei carristi caduti di tutte le guerre

Abitanti censiti[31]


[] Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 1.611 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

bandiera Romania 710 5,21%

bandiera Albania 411 3,02%

[] Economia

Coltivazione di erba medica presso Brolio

Devastata durante il secondo conflitto mondiale, Castiglion Fiorentino rimase fortemente ancorata al settore primario. Tutt'oggi il settore trainante dell'economia locale è l'agricoltura[32]. Dopo la bonifica, la Val di Chiana è divenuta terra fertilissima e nelle frazioni castiglionesi le aziende agricole e i molti coltivatori diretti ottengono ottime rese quanto a cereali (specie il grano, l'orzo e il girasole), erba medica, ortaggi, olivi e viti (Bianco Vergine della Valdichiana). Molto sviluppato è anche dell'allevamento suino, bovino e ovino, nonché del pollame. Nella frazione di Manciano La Misericordia sono stati recentemente impiantati allevamenti di struzzi.

Il "boom" economico degli anni sessanta ha riguardato anche Castiglion Fiorentino, oggi dotata di imprese delle calzature, del legno e alimentari (tra cui un pastificio e uno zuccherificio, chiuso tuttavia nel 2005 e destinato a divenire una centrale a biomasse). Grande anche lo sviluppo degli agriturismi, di cui se ne contano numerosi nelle campagne del comune.

[] Trasporti

Castiglion Fiorentino dispone di una propria stazione ferroviaria mentre le corse autobus sono gestite dalla società consortile Etruria Mobilità.

[] Città gemellate

Castiglion Fiorentino è gemellato con:

[] Onorificenze

Medaglia d'argento al merito civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al merito civile
«Piccolo centro medievale, durante l'ultimo conflitto mondiale, subì un violentissimo bombardamento dell'aviazione alleata che provocò la morte di settantun civili, in maggioranza donne e bambini, e la quasi totale distruzione dell'abitato. Nobile esempio di spirito di sacrificio e amor patrio. Castiglion Fiorentino (AR), 19 dicembre 1943[35]»
— Roma, 26 gennaio 2004

[] Personalità legate a Castiglion Fiorentino

[] Cinema

A Castiglion Fiorentino è stata girata una delle scene iniziali del film La vita è bella, precisamente quella in cui Guido (Roberto Benigni), sulla macchina senza più controllo dei freni e coperta di frasche raccolte in un fuoripista, viene scambiato per re Vittorio Emanuele III.

[] Note

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Bilancio demografico anno 2009 in ISTAT. URL consultato in data 8-10-2009.
  3. ^ Bandiere Arancioni - I comuni - Castiglion Fiorentino (AR) in Touring Club Italiano. URL consultato in data 14-8-2009.
  4. ^ a b Castiglion Fiorentino-Il Loggiato in Settemuse.it. URL consultato in data 04-09-2009.
  5. ^ Pinacoteca Comunale in ICEC Castiglion Fiorentino. URL consultato in data 04-09-2009.
  6. ^ La Torre del Cassero in ICEC Castiglion Fiorentino. URL consultato in data 04-09-2009.
  7. ^ Castiglion Fiorentino-Il Palazzo Pretorio in Settemuse.it. URL consultato in data 04-09-2009.
  8. ^ Associazione Pro Loco Castiglion Fiorentino. URL consultato in data 22-08-2009.
  9. ^ Teatro comunale di Castiglion Fiorentino in Fondazione Toscana Spettacolo. URL consultato in data 22-08-2009.
  10. ^ Oliomangiando in Valdichiana Aretina. URL consultato in data 22-08-2009.
  11. ^ La Settimana Santa a Castiglion Fiorentino in Eventi e sagre. URL consultato in data 22-08-2009.
  12. ^ Castiglion Fiorentino: aperte le iscrizioni per “La Passione” in Valdichiana.it. URL consultato in data 22-08-2009.
  13. ^ Il Maggio Castiglionese all'insegna della vitalita' e della voglia di fare in Comune di Castiglion Fiorentino. URL consultato in data 22-08-2009.
  14. ^ Raduno Fiat 500 e derivate in Terziere Porta Fiorentina. URL consultato in data 22-08-2009.
  15. ^ PROGRAMMA VIII FESTA MEDIEVALE in Gruppo Storico Sbandieratori "Il Cassero". URL consultato in data 22-08-2009.
  16. ^ Manifestazioni: banchetto medievale in Terziere Porta Fiorentina. URL consultato in data 22-08-2009.
  17. ^ Manifestazioni: i giorni di Bacco in Terziere Porta Fiorentina. URL consultato in data 22-08-2009.
  18. ^ Il nuovo Presepe Vivente di Castiglion Fiorentino in Comune di Castiglion Fiorentino. URL consultato in data 22-08-2009.
  19. ^ Sagra della Pizza in Prodotti tipici. URL consultato in data 22-08-2009.
  20. ^ Sagra dello struzzo. URL consultato in data 22-08-2009.
  21. ^ Festa del Vescovo sul Giuncheto - Rievocazione storica e cena tradizionale in Intoscana.it. URL consultato in data 22-08-2009.
  22. ^ XXXII sagra della ranocchia chianina in Arezzo Notizie. URL consultato in data 22-08-2009.
  23. ^ Bisteccata di ferragosto in Arezzo Notizie. URL consultato in data 22-08-2009.
  24. ^ Festa della Madonna del Bagno in Arezzo Notizie. URL consultato in data 22-08-2009.
  25. ^ SAGRA DELLA CASTAGNA E PALIO DEI CARRETTI DI MONTECCHIO VESPONI - FRAZIONE DI CASTIGLION FIORENTINO in Valdichiana Aretina. URL consultato in data 22-08-2009.
  26. ^ Storia in Gruppo Storico Sbandieratori "Il Cassero". URL consultato in data 22-08-2009.
  27. ^ Sbandieratori in Terziere Porta Fiorentina. URL consultato in data 22-08-2009.
  28. ^ I mercenari di Giovanni Acuto in Terziere Porta Romana. URL consultato in data 22-08-2009.
  29. ^ Gruppo Storico e Sbandieratori Città di Castiglion Fiorentino in Gruppo Storico e Sbandieratori Città di Castiglion Fiorentino. URL consultato in data 22-08-2009.
  30. ^ Museo archeologico in Castiglionfiorentinoweb. URL consultato in data 22-08-2009.
  31. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  32. ^ Castiglion Fiorentino in Belpaese.it. URL consultato in data 22-8-2009.
  33. ^ Castiglion Fiorentino e Ronda - Città gemellate in Comune di Castiglion Fiorentino. URL consultato in data 14-08-2009.
  34. ^ (FR) Castiglion Fiorentino in Ville de la Charité sur Loire. URL consultato in data 14-08-2009.
  35. ^ Medaglia d'argento al merito civile - Comune di Castiglion Fiorentino in Presidenza della Repubblica. URL consultato in data 14-8-2009.

[] Bibliografia

  • Santino Gallorini, Castiglion Fiorentino, dalle origini etrusco-romane al 1384, Calosci, Cortona, 1992

[] Altri progetti

[] Collegamenti esterni

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana





AziendeHotspot WifiAbiti da sposaBancheInformaticaUltime notizieDatabase Hotspot
Il sito Babilot raccoglie informazioni da Internet e le rende disponibili per la consultazione rapida ed organizzata.
La nostra azienda non è da ritenersi responsabile per eventuali informazioni errate presenti nel portale.
Babilot © 2013 Maya Labs P.IVA 05041601211 - server UK44 (aggiornato il 11/2/2013) - pubblicità